Assistenza per la consultazione preventiva e redazione di DPIA

Mondo-Privacy-redazione-istanze-notificazioni

La consultazione preventiva (art. 36 del Regolamento Europeo 2016/679) prevede che, qualora la valutazione d’impatto rilevi un rischio di tipo elevato in assenza di misure adeguate, il titolare del trattamento, prima di effettuare il trattamento, consulti l’autorità di controllo. Nel caso in cui l’autorità riscontri una violazione del trattamento fornirà, entro 8 settimane, un parere scritto al titolare del trattamento. Per eseguire la consultazione preventiva, il titolare dovrà fornire:

a) ove applicabile, le rispettive responsabilità del titolare del trattamento, dei contitolari del trattamento e dei responsabili del trattamento, in particolare relativamente al trattamento nell’ambito di un gruppo imprenditoriale;

b) le finalità e i mezzi del trattamento previsto;

c) le misure e le garanzie previste per proteggere i diritti e le libertà degli interessati a norma del presente regolamento;

d) ove applicabile, i dati di contatto del titolare della protezione dei dati;

e) la valutazione d’impatto sulla protezione dei dati di cui all’articolo 35;

f ) ogni altra informazione richiesta dall’autorità di controllo.

In fase di stesura della valutazione di impatto, è nostro obiettivo fornire al cliente tutte le misure necessarie per ridurre il livello di rischio e portarlo ad un rischio accettabile, al fine di garantire un trattamento dei dati nel rispetto del Regolamento. Laddove questo non fosse possibile, lo staff di Mondo Privacy assiste i propri clienti nella gestione di consultazioni con il Garante Privacy.