Telemarketing selvaggio

Nuove sanzioni per il telemarketing selvaggio.

Nuovo provvedimento contro le pratiche abusive nel settore del telemarketing ad opera dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali, che ha inflitto una sanzione di 100.000 euro ad un gestore operante nel settore dei contratti di fornitura di luce e gas.

La violazione rilevata attiene l’illecito trattamento dei dati personali degli utenti.

Telemarketing selvaggio

L’intervento del Garante è successivo al recepimento di due reclami e 56 segnalazioni da parte di utenti che lamentavano di ricevere telefonate indesiderate e attivazioni non richieste di contratti energetici.

Secondo quanto emerso dalle indagini effettuate dell’Autorità, le telefonate sono state realizzate in assenza del consenso degli interessati. Inoltre, coinvolgevano anche utenti iscritti nel Registro pubblico delle opposizioni (Rpo).

Anche coloro che avevano espressamente dichiarato di non voler ricevere comunicazioni commerciali venivano comunque contattati.

È emerso che le liste dei contatti utilizzate dal call center provenivano da società terze, agenti o procacciatori dell’azienda.

Si è appurato che, nell’arco di una sola settimana, il call center aveva contattato illecitamente ben 106 utenti.

Questi ultimi avevano poi concluso contratti di fornitura di energia.

La sanzione

La rilevanza delle violazioni ha condotto il Garante ad infliggere verso la compagnia una multa di 100.000 euro.

Lo Stesso ha stabilito che il call center è tenuto ad adottare opportune misure tecniche, organizzative e di controllo in conformità alla disciplina in materia di privacy.

Conclusioni

Si ricorda che non si tratta di un caso isolato.

Già in precedenza era stato multato analogamente – dalla stessa Autorità – un altro gestore energetico che, servendosi dei contatti contenuti nel Registro pubblico delle opposizioni, realizzava le telefonate in assenza del consenso degli interessati.

È evidente che l’azione del Garante Privacy rappresenti un importante passo avanti nella tutela dei diritti degli utenti e nella lotta contro il telemarketing invasivo.

Le sanzioni imposte non solo colpiscono le aziende coinvolte, ma fungono da monito per l’intero settore.

La privacy degli utenti deve essere rispettata, e chiunque cerchi di aggirare queste regole dovrà affrontare conseguenze serie.

 

 

Leggi anche: Telemarketing e teleselling: al via il Codice di Condotta – Mondo Privacy

Ti serve una consulenza privacy?

Il nostro team sarà felice di trovare la soluzione perfetta per te!