Gestione aziendale dei dati sul Covid-19 e legge sulla Privacy

In questo difficile periodo in cui le Aziende stanno cercando di conciliare Smart-Working, riaperture in sicurezza con protocolli vari, stiamo assistendo ad un’interpretazione, a volte distorta, delle indicazioni fornite dalle autorità sulla gestione dei dati sanitari legati al Covid-19.

In ambiente lavorativo, il coordinamento di queste attività secondo privacy dovrebbe seguire un iter preciso, individuato anche dal Garante nelle FAQ relative al “Trattamento dei dati nel contesto lavorativo pubblico e privato nell’ambito dell’emergenza sanitaria”

Facciamo quindi un po’ di chiarezza su quanto disposto…

 

Indicazioni del Regolamento Europeo

Secondo l’articolo 9, paragrafi 2 e 3 del GDPR, le condizioni che possiamo prendere in considerazione sono due:

  1. Il consenso al trattamento dei dati dell’interessato
  2. Finalità di medicina del lavoro e valutazione della capacità lavorativa del dipendente;

Escludendo la prima opzione, come chiarito dal considerando 43 (che riporta che non può essere considerato lecito il trattamento dei dati sulla base del consenso in ragione dello squilibrio tra titolare e interessato), resta possibile solo la seconda ipotesi, a patto che il tutto sia svolto sotto la responsabilità di un professionista (leggi Medico Competente).

 

Il ruolo del Medico Competente

Fondamentale quindi il coinvolgimento del Medico Competente che, nel contesto dell’emergenza, predispone gli adempimenti connessi alla sorveglianza sanitaria tra cui la possibilità di sottoporre i lavoratori a visite e controlli straordinari o esami clinici (tamponi o test sierologici), segnalando i casi che reputa a maggior rischio. Al datore di lavoro sarà consentito conoscere solo il giudizio di idoneità ed eventuali prescrizioni o limitazioni alla mansione, ma non le informazioni specifiche su diagnosi e referti, ad eccezione di quelle fornite direttamente dal lavoratore o dalle autorità sanitarie in caso di presenza di sintomi di infezione da Covid-19.

 

Focus sulle vaccinazioni Covid-19

Capitolo a parte quello sui vaccini che, pur prevedendo gli stessi accorgimenti visti prima, è gestito spesso in autonomia dalle aziende che faticano a comprendere in modo chiaro le indicazioni, talvolta contrastanti, che ricevono dalle ATS (azienda sanitaria locale) di competenza.

In linea generale è sempre il Medico Competente a dover individuare i soggetti esposti a rischi biologici e far applicare le misure speciali di protezione previste dall’articolo 279 del Testo Unico 81/08 tra le quali la messa a disposizione di vaccini. Datore di lavoro che non può però imporne la somministrazione ma, al limite, allontanare temporaneamente il lavoratore dalla mansione.

A districare la situazione di stallo creatasi, per cui le aziende che operano in ambito sanitario si trovavano chiuse tra vincoli normativi e riluttanza da parte di alcuni lavoratori, ci ha pensato il Decreto Legge n°44 del I° aprile 2021. L’introduzione dell’obbligo vaccinale per operatori, personale medico e farmacisti, prescrive al datore di lavoro di inviare l’elenco dei dipendenti alla regione o alla provincia autonoma di appartenenza che dovranno verificare la situazione vaccinale e segnalare all’ATS i soggetti che non risultano vaccinati; a questo punto l’azienda sanitaria di residenza accerta l’inosservanza dell’obbligo e ne dà immediata comunicazione al datore di lavoro che potrà adibire ad altra mansione il dipendente o sospenderlo momentaneamente dall’attività.

Tutta la gestione della relativa modulistica, come ad esempio la scheda anamnestica da far compilare ai soggetti, è di competenza degli operatori delle ATS che, coadiuvati dal Medico Competente di struttura, inseriscono i dati nel portale regionale. La realtà dei fatti è invece che spesso è il personale amministrativo, per mancanza di risorse o per snellire le attività, che si occupa di far compilare, raccogliere, inviare e archiviare il materiale.

 

Precedenza alla legge sulla privacy o alla tutela della salute?

Anche se in concreto si tratta del segreto di Pulcinella, poiché le informazioni relative a soggetti positivi al Covid o vaccinati sono praticamente di dominio pubblico, non possiamo dimenticare che il GDPR prevede e pretende che siano solo i soggetti autorizzati a trattare questi dati personali.

Ricordiamoci quindi che serve sempre equilibrio e attenzione in tutto quello che si fa anche in buona fede per far sì che non vada a discapito della protezione di diritti e libertà fondamentali degli interessati.

Ti serve una consulenza privacy?

Il nostro team sarà felice di trovare la soluzione perfetta per te!