attacco-ransomeware-sony

La società made in Japan, Sony, ha recentemente annunciato di esser stata una delle vittime dell’attacco ransomware che a maggio ha colpito MoveIT Transfer. Gli hacker hanno sfruttato una vulnerabilità della piattaforma di trasferimento sicuro dei dati, per accedere al database e copiare dati (personali e particolari) di 6.800 dipendenti di Sony e dei relativi familiari. La notizia conferma quanto era stato annunciato dal gruppo Clop ransomware, che aveva aggiunto la società giapponese all’interno del loro albo d’oro dei leak. L’annuncio segue quello di settembre, in cui Sony ha disposto investigazioni per dare riscontro all’annuncio di un altro gruppo hacker, RansomedVC, che sostiene di averle rubato 260GB di dati per un valore di 2.5 milioni di dollari.

In un’epoca nella quale le aziende di tutto il mondo si trovano costantemente a fronteggiare minacce informatiche, occorre prestare sempre più attenzione alla cybersecurity, tanto alla propria quanto a quella dei propri fornitori.

Ti serve una consulenza privacy?

Il nostro team sarà felice di trovare la soluzione perfetta per te!