Multa record per Enel Energia dal Garante Privacy

Il Garante Privacy sanziona Enel Energia

La sanzione é frutto di un procedimento condotto dalla Guardia di Finanza nei confronti di quattro società che hanno trattato dati personali in modo illecito per finalità di telemarketing.

Già all’esito di questa prima fase l’Autorità Garante ha disposto la confisca delle banche dati utilizzate ed irrogato sanzioni pecuniarie dal valore complessivo di un milione e 800mila euro.

Nel corso di ulteriori accertamenti il Garante ha potuto constatare che nella vicenda veniva coinvolta anche la compagnia energetica Enel Energia, per l’acquisizione di circa 978 contratti dalle medesime quattro società, esterne ed estranee alla propria rete di vendita.

Il campanello d’allarme scaturito da questa prima rilevazione ha spinto l’Autorità a svolgere ulteriori accertamenti dai quali è emersa una grave carenza delle misure di sicurezza applicate ai sistemi informatici di Enel Energia.

La falla, infatti, ha favorito lo svolgimento di attività illecite da parte di procacciatori abusivi.

Questi ultimi -una volta sottratti i dati dei clienti- hanno condotto attività illecite di telemarketing attivando più di 9.000 contratti.

Multa record per Enel Energia

In conclusione, riscontrando una grave violazione dell’art. 32 GDPR, il Garante Privacy ha sanzionato Enel Energia.

L’Autorità ha irrogato la sanzione più alta mai disposta fino ad oggi, per un ammontare di 79 milioni 107 mila e 101 euro.

 

Ti serve una consulenza privacy?

Il nostro team sarà felice di trovare la soluzione perfetta per te!