Il Garante Privacy ha annunciato le attività ispettive per il primo semestre del 2024. Vediamo insieme quali sono nel dettaglio le realtà interessate.

A dicembre 2023, il Garante ha presentato in modo dettagliato il piano ispettivo programmato per il primo semestre del nuovo anno 2024, specificando che verranno effettuati circa 50 accertamenti su aree di interesse determinate, oltre alle attività ispettive che verranno svolte d’ufficio ovvero in risposta alle segnalazioni e ai reclami recepiti.

Indichiamo di seguito il focus delle attività programmate:

  1. Il trattamento dei dati mediante registri elettronici e suite digitali compiuto dagli istituti scolastici;
  2. I controlli sugli accessi illeciti alle banche dati pubbliche (in particolar modo relativamente ad anagrafe tributaria e banca dati INPS);
  3. I titolari del trattamento che trattano dati personali dei lavoratori mediante sistemi informativi e dispositivi installati su veicoli aziendali o presso centri logistici, anche ai fini valutativi;
  4. Le ispezioni su gestori dell’identità digitale SPID e su tutta la filiera di soggetti interessati per il rilascio di servizi fiduciari;
  5. Le verifiche e gli accertamenti sul web relativamente alla corretta implementazione delle Linee guida in materia di cookie e strumenti di tracciamento (10 giugno 2021);
  6. I controlli nel settore energetico con riguardo all’attivazione di contratti non richiesti e all’attività di valutazione dell’affidabilità della clientela;
  7. Le ispezioni verso società che gestiscono sistemi di allarme con eventuale connessione da remoto;
  8. Le ispezioni sui trattamenti in ambito statistico e di ricerca scientifica sia presso uffici SISTAN, sia presso IRCCS;
  9. La programmazione del nuovo ciclo di attività di controllo sui trattamenti di dati nel Sistema informativo dei visti (VIS);
  10. I controlli nei confronti di titolari del trattamento su tematiche relative al consenso al marketing e profilazione, nonché allo svolgimento di campagne di telemarketing;
  11. Ulteriori accertamenti presso soggetti pubblici e privati per verificarne l’osservanza delle disposizioni in materie di protezione dei dati personali.

Il consiglio è verificare le tematiche indicate nel Provvedimento del 29 dicembre 2023 e focalizzarsi su quelle di maggiore interesse, in base al proprio core business.

Ti serve una consulenza privacy?

Il nostro team sarà felice di trovare la soluzione perfetta per te!