Riconoscimento facciale negli aeroporti

Sempre più sono le compagnie aeree ad implementare una modalità di check-in rapido basato sull’accesso tramite il riconoscimento facciale.

Questa tecnologia comporta la raccolta dei dati cd. biometrici, ricavati da un insieme di caratteristiche fisiche e fisiologiche per consentire l’identificazione univoca del soggetto.

Proprio per questo motivo, occorre prestare sempre la massima attenzione quando si parla di tecnologie, come il riconoscimento facciale. In gioco ci sono dati che hanno un valore estremamente personale, intrinseco alla persona.

Il parere dell’EDPB

L’EDPB, il Comitato europeo indipendente per la protezione dei dati personali, ha messo in luce la questione diffondendo l’ Opinion 11/2024 del 24 maggio 2024, relativa all’utilizzo della tecnologia di riconoscimento facciale da parte degli operatori aeroportuali e delle compagnie aeree.

Si richiede, quindi, un maggior rigore nella loro raccolta e nel loro utilizzo.

Innanzitutto, è fondamentale permettere l’utilizzo del riconoscimento facciale solo nei casi in cui l’interessato ha espresso il consenso.

In secondo luogo, occorre escluderlo ogni volta in cui questo non sia essenziale, come ad esempio in tutte quelle fasi in cui non è concretamente necessario procedere alla verifica dell’identità del soggetto.

L’attenzione viene posta anche sulle modalità di conservazione e sulla proprietà del dato. La conservazione dei dati biometrici all’interno di una banca dati centralizzata all’interno dell’aeroporto o in cloud, deve esser bilanciata dal fatto che la chiave che consente di decifrare quel dato sia nel possesso del solo singolo soggetto interessato.

Tanto consentirebbe ad ogni persona di esser l’unico soggetto a poter decifrare ed utilizzare quel dato; altra soluzione che consentirebbe di raggiungere questo obiettivo, sarebbe quella di far conservare il vero e proprio dato biometrico esclusivamente all’interessato che potrebbe, quindi, disporne come preferisce e sarebbe responsabile della relativa custodia.

Conclusione

Quello dei dati biometrici è un tema fondamentale al quale occorre prestare particolare attenzione e sul quale occorre sensibilizzare gli utenti, soprattutto in un momento in cui l’evoluzione tecnologica cresce in maniera esponenziale e quasi senza controllo.

 

Leggi anche…

Il Garante boccia i rilevatori dei dati biometrici del volto – Mondo Privacy – Autore: Margherita Scudieri

Dati biometrici e criptovalute: la Spagna blocca Worldcoin – Mondo Privacy – Autore: Maria Navas Dorado

Ti serve una consulenza privacy?

Il nostro team sarà felice di trovare la soluzione perfetta per te!